AMMIANUS Marcellinus

Ammiani Marcellini Rerum Gestarum libri XVIII […]

Bellissima legatura francese “aux fleures del lys” con, ampiamente decorata con impressioni in oro ai piatti. Dorso a cinque nervi anche questo impresso in oro con tassello recante autore e titolo, tagli dorati.513 (i.e. 543) pagine numerate (a-z8, A-L8). La numerazione delle pagine 353-368 e 435-449 è erroneamente ripetuta (come in tutti gli altri esemplari); la numerazione 401 è erroneamente mancante ma il testo è continuativo e completo (difetto anche questo riscontrato in tutti gli altri esemplari consultabili).Il “Res Gestae” di Ammiano Marcellino è un’opera storiografica in lingua latina che narra le vicende dell’Impero Romano dal 96 d.C. (morte di Nerva) al 378 d.C. (battaglia di Adrianopoli). L’opera, divisa in 31 libri, è giunta fino a noi incompleta, con l’ultimo libro che si interrompe bruscamente durante la descrizione della battaglia di Adrianopoli.Il nucleo principale del Res Gestae è costituito dai libri 14-31, nei quali Ammiano narra gli avvenimenti del IV secolo d.C., un periodo molto importante per l’Impero Romano, caratterizzato dalla crisi e dalla decadenza dell’impero occidentale e dalla progressiva crescita di quello orientale.Il Res Gestae di Ammiano Marcellino rappresenta uno dei maggiori capolavori della storiografia latina, grazie alla sua raffinatezza stilistica e alla profondità della sua analisi storica. L’opera è caratterizzata dalla presenza di un linguaggio elegante e raffinato, che si distingue per la capacità di coniugare la precisione dell’informazione storica con la bellezza della forma.Tra i temi principali trattati da Ammiano Marcellino nel Res Gestae, si possono citare la figura dell’imperatore Giuliano, la guerra contro i Sasanidi e la descrizione della cultura e delle istituzioni dell’Impero Romano del IV secolo d.C. Inoltre, Ammiano è noto per la sua attenzione alla descrizione dei dettagli e delle scene di vita quotidiana, che contribuiscono a rendere l’opera ancora più ricca e interessante.Il Res Gestae di Ammiano Marcellino è stato molto apprezzato dai lettori e dagli studiosi dell’epoca, che lo consideravano un’opera di grande valore storico e letterario. L’opera ha influenzato molti scrittori e storici successivi, diventando un importante punto di riferimento per la storiografia latina e europea.Secondo alcuni ricercatori l’opera è stata fonte di ispirazione per lo scrittore inglese J.R.R. Tolkien nella creazione del personaggio di Gandalf, nella sua celebre trilogia “Il Signore degli Anelli”.Tolkien, infatti, era un grande appassionato di lingua e cultura latina, e aveva letto e studiato il Res Gestae di Ammiano Marcellino durante gli anni dell’università. Secondo alcuni, l’immagine di Gandalf, il saggio mago e guerriero che aiuta Frodo nell’impresa di distruggere l’Anello del Potere, sarebbe stata ispirata dalla figura dell’imperatore Giuliano, descritto da Ammiano Marcellino nel Res Gestae contraddistinto da saggezza, abilità nel combattimento e capacità di ispirare e guidare gli altri.Forellino di tarlo passante al margine esterno delle prime 250 pagine senza mai interessare il testo, legatura abilmente restaurata alle cerniere, intervento difficile da notare anche dal vivo.

500,00 

Vuoi venderci un libro?

Offriamo una valutazione gratuita e (se interessati) una proposta di acquisto proporzionata al valore dell’opera.

Compila il form dedicato cliccando sul pulsante qui sotto e scopri il valore dei tuoi libri antichi.

white lands libreria